MovieReview.it - Il Cinema in Presa Diretta
Movie Review è un blog di divulgazione e critica in campo cinematografico e delle serie tv.

Ritorno al Futuro in Blu Ray 4K: La Recensione

La trilogia cult di Zemeckis sbarca in home video con i nuovi restauri

Dopo la mediocre release in FullHD del 2010 ecco finalmente giungere sul mercato home video, in occasione del 35esimo anniversario, la trilogia di Ritorno al Futuro in formato 4K.

Uscito nel 1985 Ritorno al Futuro ha segnato di fatto una generazione, diventato uno dei cult più riconoscibili del grande schermo cui sono derivati ben due sequel, entrambi firmati e co-prodotti da Robert Zemeckis.

Saltando a piè pari l’analisi sulle qualità artistiche dei lungometraggi, la presente recensione “vivisezionerà” gli aspetti tecnici dei nuovi master della conversione in 4k.

Frutto di un nuovo restauro da negativo, il quadro proposto appare in quanto a dettaglio di gran lunga superiore rispetto al precedente.  Nonostante Universal pare proprio non volersi trattenere nel voler processare il video – anche se restando sopra i livelli di guardia –  portando ad avere qualche scena non del tutto convincente in termini di resa generale .

Va inoltre evidenziato che in un’intera sequenza di circa 8 minuti (quando il poliziotto parla con Doc) è presente uno strano sfarfallio dei colori;  tale problema pare sia vittima dell’irreperibilità di alcuni rulli (stesso problema che si vocifera si sia presentato durante il restauro di Scarface) e conseguente recupero di materiale di generazioni successive , e probabilmente non in condizioni ottimali  – che Universal non sia in grado di realizzare un trattamento adeguato? – un vero peccato considerando il buonissimo master.

L’HDR non sembra ancora al pieno delle corde della casa di distribuzione,  la quale non sempre riesce a gestire al meglio il gamma ampio e contrasto dinamico nelle scene più scure.

Di contro i due sequel alzano l’asticella generale;  con una colorimetria naturalissima ben gestita dall’HDR e un quadro pulito e lievissimamente processato con punta di diamante in termini di resa
nel macro e micro dettaglio con il terzo capitolo.

Dettaglio importante e non ovvio visto che parliamo di Universal: i dischi FullHD contenuti in quest’ edizione hanno anch’essi i nuovi master.

Tutti i dischi 4K sono muniti di una fiammante traccia audio originale in Dolby Atmos, anche se non al top per il tipo di formato, ma sicuramente immersiva e nettamente migliore al DTS 5.1 in italiano identico all’edizione precedente.

Conclusioni:

Ritorno al Futuro in 4K si presenta in ben 3 edizioni per tutti i gusti: Slipcase, Limited Steelbook Edition e Collector’s Edition  quest’ultima contente la replica dello skateboard volante (ma purtroppo non comprensiva delle steelbook).

Traendo le somme, pur essendoci delle imperfezioni che potrebbero rovinare l’esperienza al purista di turno, si consiglia senza remore di prendere la vecchia edizione e cestinarla, fiondandosi a capofitto su questa nuova edizione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu stia bene, ma puoi disattivarlo se lo desideri. AccettaLeggi Tutto