MovieReview.it - Il Cinema in Presa Diretta
Movie Review è un blog di divulgazione e critica in campo cinematografico e delle serie tv.

Se7en sbarca in Blu-Ray: La Recensione

"Nuova" Edizione del cult movie firmato David Fincher

Finalmente abbiamo tra le mani e pronta da recensire la nuova edizione in Blu-Ray di Se7en, edito CG Entertainment, dopo averlo proposto con successo tramite la sua piattaforma crowdfunding.

Non ci soffermeremo molto sulla qualità del cult firmato David Fincher, definito da moltissimi appassionati come uno dei miglior thriller mai realizzati, nonchè vero e proprio sigillo sulla carriera promettente del regista. Capace di dare il via ad un’escalation di tensione Se7en vede protagoniste ambientazioni che ricordano Blade Runner, un giovane e convincente Brad Pitt, Morgan Freeman immancabilmente in parte e Kevin Spacey in quello che si può definire il suo secondo ruolo più iconico in carriera dopo Kaiser Soze.

L’edizione CG porta finalmente sul nostro mercato il master edito Warner nel 2013 che, malgrado gli anni, si rivela ancora solidissimo nel riproporre un quadro molto convincente nel microdettaglio degli incarnati e tessuti. Un sorprendentemente profondo nero – che tuttavia mai impasta una colorimetria supervisionata da Fincher in persona – rende la visione sicuramente appagante, specialmente se paragonata alla precedente edizione sempre edita CG (probabilmente una delle uscite più vergognose nel formato).

Vi lasciamo un paragone tra le due edizioni

Vista l’origine ben conosciuta del master è importante quindi sottolineare che CG, come da sua tradizione salvo qualche uscita infelice (vedi Scanners), si limita a riportare il master così come le viene consegnato, limitandosi all’authoring (qui senza nessun problema). Quindi ritroviamo un encoding nell’attempato VC-1 con un bitrate medio sui 25mb/s. Considerando l’aspect ratio e che l’eventuale encoding AVC con un bitrate più alto non è garanzia di significativo miglioramento, si può dunque dormir sonni tranquilli.

La voracità con cui le grandi major si gettano sul formato 4K dai nuovi e fiammanti master non ci lascia dubbi sul fatto che a breve ci troveremo nuovamente un passo indietro rispetto al mercato estero, ma vista la bontà di quest’edizione, arricchita inoltre da un piccolo booklet, non possiamo far altro che promuovere e consigliare l’acquisto.

 

Ernest Hemingway una volta ha scritto: “Il mondo è un bel posto e vale la pena di lottare per esso”.
Condivido la seconda parte.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu stia bene, ma puoi disattivarlo se lo desideri. AccettaLeggi Tutto